L’impugnatura corretta della racchetta padel è il primo fattore per avere un ottimo controllo e maggiore potenza nei colpi.

Impugnando correttamente la racchetta, i muscoli restano meno tesi e, a parità di forza, otterremo colpi molto più efficaci rispetto a un’impugnatura meno consapevole.

La racchetta da padel si può impugnare in modi diversi, tutti giusti, la cosa importante è avere consapevolezza di quale tecnica utilizzare.

In questo post vediamo le 3 impugnature padel più comuni e alcuni accessori per migliorare la nostra presa.

Continental

L’impugnatura Continental è detta anche “manico del martello” o “presa a martello”, proprio per la somiglianza con il gesto.

È quella che si impara quando si inizia a giocare ed è anche la più utilizzata nel padel amatoriale.

Per questa impugnatura del padel, l’indice va posizionato sul lato 2 del manico.

Come calcolare i lati del manico della racchetta?

Facile!

Si iniziano a contare i lati dal profilo della racchetta e si completa il giro in senso orario. Il manico nel padel, come nel tennis, ha forma ottagonale perciò non è difficile individuare i segmenti.

Una volta individuato il secondo lato basterà appoggiare la base dell’indice e stringere la racchetta di conseguenza.

Per allenare l’impugnatura Continental nel padel bisogna stare il più rilassati possibile. Ad ogni modo però, anche se la presa deve essere rilassata, la racchetta va comunque tenuta ben salda per evitare lesioni a tendini, muscoli e legamenti.

Per avere una presa migliore e facilitare il lavoro del braccio, è fondamentale “modificare” il manico della racchetta perché sia adatto alla nostra mano.

Questo miglioramento può essere effettuato grazie agli overgrip. Se vuoi saperne di più, leggi come montare gli overgrip sulla tua racchetta per ottenere un’impugnatura salda.

L’impugnatura Continental è molto versatile, per questo è così usata dagli esordienti, si presta infatti per molti colpi padel di dritto (soprattutto quando la palla arriva bassa) e di rovescio, dalla bandeja allo smash.

Una volta che si padroneggia bene l’impugnatura Continental, che potremmo definire un’impugnatura universale o neutra, possiamo passare agli altri grip.

Eastern di dritto

Viceversa alla Eastern di rovescio, questa impugnatura è supplementare alla Continental in quanto aumenta controllo e potenza nei colpi di dritto, soprattutto quando il gioco è veloce.

Invece di impugnare la racchetta “a martello”, stavolta ruotiamo il piatto della racchetta fino ad arrivare paralleli alla mano e facciamo scivolare la mano fino all’impugnatura.

Eastern di rovescio

Come esplicita il nome, è un’impugnatura ottima per i colpi di rovescio come la vibora o lo smash x3. È importante che la mano sia in fondo al manico e che lo copra tutto, in questo modo riusciremo a sfruttare tutta l’area della racchetta e saremo meno limitati.

Inoltre le dita devono essere tutte chiuse a pugno, mentre uno degli errori più comuni è tenere l’indice alzato.

Questa impugnatura è supplementare alla Continental in quanto avvantaggia gli atleti che hanno difficoltà con i colpi di rovescio o nel difendere palline molto basse.

Tuttavia è sempre consigliata ad atleti più avanzati, e non ai principianti, in quanto si tratta di colpi più articolati.